lunedì 4 aprile 2011

Morchella

   Spugnola              Colmenilla             Morel                Morcheln          Morille





Aprile e la primavera in genere sono il periodo più interessante per raccoglitori 
ed appassionati per trovare gli ascomiceti.
Morchella, Gyromitra, Verpa ed altri generi si affacciano negli angoli di diversi habitat.

Cercherò di descrivere genericamente le Morchelle, in quanto le poche specie, molto 
simili tra loro, sono state variamente interpretate dai diversi autori di micologia 
(senza nulla togliere ai loro approfonditi studi).
Solitamente numerose e ravvicinate nelle zone pianeggianti, bisogna stare attenti a dove si cammina: il rischio di farne una frittata in anticipo è altissima.
In boschi di frassino e olmi in prossimità di riali, al limite dei prati, nelle aree golenali della Bassa o nei boschi alpini di pino e larice, per la loro comparsa l’elemento acqua deve essere sempre presente.
Il “cappello” di questi ascocarpi viene definito mitra o mitria (ricorda il famoso copricapo vescovile), è di forma conica, più o meno acuta a seconda delle specie, presenta costolature verticali e orizzontali formanti alveoli che ricordano un nido d’api o una spugna (ecco la Spugnola!)







Il colore varia anch’esso a seconda delle specie e varietà: si va dal giallo-miele, 
al noisette, al grigiastro fino al bruno nerastro.
Il gambo biancastro, giallino, costolato verticalmente, è di forma cilindrica, cavo all’interno.
Il fungo ha carne di consistenza elastico-cartilaginea ed odore leggermente spermatico.
Per la consistenza della carne e la presenza degli alveoli è un fungo che si presta fortunatamente ad essere lavato e rilavato, non assorbendo acqua.
Le dimensioni variano in funzione delle specie arrivando anche oltre i 20 cm di altezza 
per  5 di diametro in Morchella conica.
Attenzione: le morchelle vanno sempre consumate dopo cottura a fuoco vivace e senza coperchio per almeno 15 minuti per eliminare la presenza di una tossina termolabile.

 Molto ricercate in questa stagione, a seconda delle annate possono raggiungere sui mercati locali prezzi da capogiro, anche perché la loro presenza è molto limitata nel tempo e se dovesse capitare una primavera un po’ troppo ventilata ed asciutta… addio Nouvelle Cousine!
Per la ricerca l’occhio si deve abituare: questi ascomiceti si mimetizzano perfettamente con il colore del sottobosco, però, di solito, visto il primo …inizia la festa.
 Particolarmente apprezzate in Francia e in Svizzera, a Boyne City, nel Michigan, addirittura le “festeggiano” (in tutti i sensi…). Se la raccolta qui da noi non vi soddisferà, siete ancora in tempo per trovarne qualcuna "Up the Michigan” *   morelfest 2011

* Su nel Michigan. I 49 Racconti E. Hemingway
Stefano Balestreri 
Cita questa pagina:
Balestreri, S. (2011. Aprile).Morchella:Spugnola, Colmenilla, Morel, Morcheln. Morille. Estratto da AppuntidiMicologia ©
http://appuntidimicologia.blogspot.com/2011/04/morchella.html

9 commenti:

  1. Stefano ciao,
    ho esaminto attentamente la tua nuova creatura, è sicuramente una iniziativa lodevole che se portata avanti con assiduità darà soddisfazioni; il tipo di lettura con le foto è alla portata di
    tutti, scritto in modo semplice e allo stesso tempo completo.
    sono
    iniziative che personalmente condivido e vanno nella giusta direzione.
    a presto
    Marino
    PS ti aspetto a TORINO

    RispondiElimina
  2. ti ringrazio Stefano per la collaborazione.
    grazie per la visibilità che ci hai dato,
    Il Blog è una bella idea, complimenti. ciao spero ci sia la possibilità di rivederci
    oscar tani

    RispondiElimina
  3. Marino:
    grazie a te!
    Per Torino alla prima buona occasione,
    non calcistica perchè ci sarà ancora da aspettare, anche per Voi!! ;-)))
    Oscar:
    grazie anche a te,la visibilità è il minimo!!!.
    ciao a tutti.
    stefano Balestreri

    RispondiElimina
  4. Ciao stefano, complimenti per questo blog!Mi è piaciuto non solo per la bellezza della immagini, che colpisce a prima vista,complimenti anche al fotografo Luciano Ponzoni.
    Anche le spiegazioni e le informazione che vengono date con chiarezza e precisione. Grazie
    fb

    RispondiElimina
  5. Ottime e deliziose con pollo e noci, una ricetta doc!
    Da danteroc

    RispondiElimina
  6. Very nice.

    Thank you,

    Ron

    RispondiElimina
  7. fb:
    Grazie anche a nome di Luciano che apprezzerà sicuramente.

    Dante:
    Mi toccherà pubblicare la ricetta!!!

    Ron: Thanks for your interest!
    By

    RispondiElimina
  8. Come avete potuto , voi due, pasteggiare da re con le 4 morchelle chi si sono trovate?
    Stai attento, che i "fungiatt de Dess" sono capaci di moltiplicare i funghi, come Qualcuno ha moltiplicato pani e pesci!!!
    A parte la battuta, questo post è più ricco di informazioni scientifiche rispetto ai precedenti sui funghi, ma l'esposizione è comprensibile a chiunque.
    Stefano, per conto mio ti dico: continua su questa strada.
    Luciano

    RispondiElimina
  9. Luciano:
    Grazie, questa strada è appena cominciata, anche se in salita è un bello stimolo!
    Per i miracoli, ci si sta attrezzando ;-)))
    ciao
    stefano balestreri

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...