lunedì 23 gennaio 2012

Fomes fomentarius

Il fungo dell'esca

 Copyright © 1999-2012  Zdenka Trojànkovà
Che questo fungo non sia commestibile è evidente, basta averlo tra le mani per rendersi conto che è proprio dura... poterlo mangiare.


Al di là di questo fatto, il Fomes fomentarius è sempre stato utilizzato fin dai tempi remoti per più applicazioni nella vita di tutti i giorni.
Già Oetzi, la mummia del Similaun, se lo portava con sé per accendervi il fuoco! Il reperto trovato nella sua sacca ha circa 5300 anni!!!! 
La conformazione cellulare di questa Poliporacea a crescita pluriennale è a nido d'ape (Poliporacea: con imenio a più  pori) e ogni anno gli strati di pori si accumulano e si sovrappongono, rendendo questa struttura perfetta per l’accensione del fuoco.
La sua massa è costituita in larga parte da prodotti della degradazione di lignina e cellulosa, per cui, una volta essiccata e debitamente trattata, ha un’elevata capacità di innescare il fuoco.
Fomes fomentarius è detto, proprio per questo, anche il fungo dell’esca: messo vicino alle scintille di una pietra focaia, l’uomo preistorico vi accendeva il fuoco.
Cresce e vive da saprofita e parassita attaccando gli alberi (pioppi, querce, ontani, faggi) in corrispondenza di “ferite” e diffondendo il micelio nella parte più interna del fusto. Dopo la morte della pianta, rimane attivo, continuando per molti anni la propria crescita e producendo spore.
La forma ricorda uno zoccolo di cavallo, ha una colorazione con diverse tonalità di grigio e presenta rigature che contrassegnano la crescita annuale.

Oltre che per l’innesco del fuoco, le caratteristiche di questo fungo sono state sfruttate in passato per l’elevato potere assorbente (effetto carta da cucina). Ancora oggi si impiega, per esempio come accessorio per la pesca a mosca con l’appellativo di “amadou” (derivazione di Amadouvier, nome volgare in francese del Fomes). Serve, in particolare, per asciugare le “mosche” artificiali.

Tra i tanti utilizzi dell’amadou nel tempo, va segnalato il suo uso anche nella farmacopea come emostatico.

Per chi volesse approfondire, qui potrà trovare un’interessante ricerca sull’uso di questo fungo nel passato: (clicca qui)  
Stefano Balestreri
 
Cita questa pagina:

Balestreri, S. (2012. Gennaio).Fomes fomentarius. Estratto da AppuntidiMicologia ©

http://appuntidimicologia.blogspot.com/2012/01/fomes-fomentarius.html



6 commenti:

  1. Splendide immagini, attraente e curioso il commento.

    Lucio

    RispondiElimina
  2. Lucio?! Se sei il Lucio di Mariano Comense, ebbene, oggi 23/gennaio il post è dedicato al tuo mondo...! Pochi come te conoscono i funghi lignicoli che non sono i chiodini (lignicoli anche loro ma più adatti ad arti culinarie...) Qui si entra in una delle tante "ramificazioni" della passione micologica, settore per pochi eletti.
    Io mi sono appassionato da poco tempo. Chi sa mai che altri vengano contagiati!
    In ogni caso cordiali saluti, Dante

    RispondiElimina
  3. Lucio:
    Grazie, mi fa molto piacere il tuo "attraente e curioso il commento"
    Detto da un esperto di " aphyllophorales" come te!!!
    Effettivamente il post è interessante e sopratutto ci fa vedere dei funghi non "rinomati" dai più, sotto un'ottica diversa... e quanto ancora c'è da scoprire!!!
    grazie

    Danteroc:
    Anche a questi funghi ti stai appassionando?
    Sono senza parole...a cosa dovrò pensare per i prossimi post?
    :-)))
    ciao monello!
    stefano

    RispondiElimina
  4. ...Aphyllophorales... evviva!!! so cosa vuol dire!
    Semplicemente "miceti senza lamelle" !

    ...Miceti... evviva!!! so cosa vuol dire!
    Semplicemente "carpofori con imenio non lamellato" !

    ...Carpofori... evviva!!! so cosa vuol dire!
    Semplicemente "funghi non agaricales (con imenio lamellato)" !

    ... ma imenio cosa vuol dire? E' quello che chiedevo alla mia mamma quando avevo nove anni e che lei non voleva dirmi ??!!!

    Dovrò andare ad un corso di micologia...

    Ciao, Dante

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissimo commento! Sto ridendo... Grazie Dante!

      Elimina
  5. Dante:
    ...neofita... evviva!!! so cosa vuol dire!
    ;-)) ;-))
    ciao
    stefano

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...