giovedì 12 aprile 2012

Morchella semilibera

...o Mitrophora semilibera? 

 
In alcuni commenti fatti in un post precedente si è discusso della nomenclatura per la classificazione dei funghi che spesso viene cambiata.

Quello di Morchella semilibera è un caso che sicuramente ha semplificato la vita a molti “mico-appassionati” (così classifico tutti: micologi e micofagi) che devono ricordare il nome di questo ascomicete.

Questo ascocarpo di forma variabile ha crescita in questo periodo dell’anno.

La mitra, o mitria, ha solitamente forma conica, talvolta leggermente tondeggiante, con costolature disposte verticalmente e trasversalmente a formare alveoli non molto profondi rispetto alle altre specie del genere Morchella.

Al di là della variabilità delle colorazioni della mitria causate dal clima e dalla maturazione, al di là della sua forma e della sua lunghezza rispetto al gambo, la caratteristica peculiare  è che questa  è “semilibera”, in quanto attaccata al gambo solamente per i ⅔.

Il gambo, biancastro e cilindrico, è granuloso, talvolta ricoperto da macchie color ruggine a maturità.

La Morchella semilibera ha carne esigua, fragile ed elastica; l’odore è quasi nullo o leggermente spermatico.

Fungo tipicamente primaverile, condivide l’habitat con Morchella esculenta nelle vicinanze dei corsi d’acqua, in presenza di pioppi, frassini, olmi e aceri.

Come tutte le morchelle, è commestibile esclusivamente dopo cottura (almeno 15’ a fuoco vivace).

Riguardo alla sua classificazione, questo fungo per lungo tempo è stato inserito nel genere Mitrophora, ma non è stata sufficiente la sola caratteristica dell’attaccatura della mitria al gambo per farne un genere a sé stante rispetto alle morchelle.

Anche se questa semplificazione non convince tutti, agli esperti della nomenclatura botanica va un plauso per aver effettuato in questo caso una semplificazione degna di nota, almeno....fino alla prossima revisione!!!
Stefano Balestreri

Cita questa pagina:
Balestreri, S. (2012. Aprile).Morchella semilibera...o Mitrophora semilibera? Estratto da AppuntidiMicologia ©
http://appuntidimicologia.blogspot.com/2012/04/morchella-semilibera.html
 

2 commenti:

  1. Finalmente ho trovato la morchella esculenta var. rotunda vicino alla mia casa in montagna.
    Per trovare la deliciosa, la conica, la vulgaris,la elata,le mitrophora, le verpe, le gyromitra, devo mettere gli occhiali?
    Sono così rare o sono io che non le vedo?
    Lorenzo.

    RispondiElimina
  2. Sono funghi ben visibili se ti abitui a "vederle".
    A parte la verpa e giromitra che non vanno assolutamente consumate, limita la raccolta esclusivamente alle morchelle nelle diverse varietà e specie.
    Nel dubbio raccomando sempre di rivolgersi agli ispettorati micologici della tua zona a ai gruppi micologici.

    Spero, con il tempo e con del buon materiale fotografico di presentare ancora qualcuno degli ascomiceti che hai citato nel tuo commento.

    Ciao e grazie.
    stefano

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...