mercoledì 2 maggio 2012

Fotografia e funghi

Un regalo di Claudio Pia, Nature Photographer, che con gli obiettivi macro cattura tutta la bellezza nascosta all'occhio umano, svelandoci la sua visione artistica della Natura.  Grazie



Il fascino che i funghi hanno su di me è molto forte!

In particolare cerco funghi velenosi che reputo di gran lunga più fotogenici del classico porcino o galletto; quando racconto agli amici che sono andato alla ricerca di "velenosi" pensano che stia scherzando, ebbene, si sbagliano di grosso!!
Il mio entroterra è molto ricco di castagni, faggi e diversi boschi di conifere, in particolare la splendida Val d’Aveto è la mia destinazione preferita riservandomi ormai da anni, continue sorprese.
 
Avete mai provato a camminare lentamente in una faggeta autunnale, passo dopo passo, sguardo a terra, intorno a voi silenzio, tranne lo scricchiolio delle foglie sotto gli scarponi, e una leggera nebbiolina mattutina che contribuisce a creare un'atmosfera "fatata"….........
……e poi, d'un tratto trovarvi di fronte ad un esemplare di Amanita muscaria , la regina dei boschi, in tutto il suo splendore ?

Ebbene, per la salute fisica e mentale lo consiglio a chiunque!

A livello fotografico, Il bello di questi soggetti è la loro immobilità, abituato ad insetti, rettili, anfibi e fiori mossi dal vento o da "vita propria", finalmente un soggetto che non scappa, non si sposta, e non morde permettendomi così di preparare con calma tutto il set fotografico, senza fretta e gustandomi attimo per attimo ogni minima vibrazione del bosco nel quale sono immerso.
Sia in compagnia che in solitaria allestire i vari set fotografici a seconda del soggetto è realmente un divertimento. Il tempo non manca, l'ambiente ti avvolge regalandoti forti emozioni, quindi la fantasia è libera di sbizzarrirsi.

In tutto questo idillio, vi sono due aspetti che mi danno MOLTO fastidio: m'innervosisco molto quando durante le mie "esplorazioni" trovo sparso per il bosco carte di merendine, pacchetti di sigarette, bottigliette d'acqua o anche semplici carte di caramelle. Naturalmente raccolgo tutto e butto nello zaino.
Ma com'è possibile che una persona, in un ambiente come questo, non si faccia il minimo problema a gettare in terra spazzatura  che provocano danni all’ "ecosistema bosco"??

Un'altra situazione che non mi piace ma che si ripete da sempre è il trovare funghi chiaramente velenosi presi a bastonate oppure semplicemente sradicati.

Ma per quale motivo lo fanno? Penseranno mica di confondere un'Amanita con un porcino???

Comunque, a parte queste situazioni che sono risolvibili con un minimo di educazione civica ed ambientalistica, l’andar per funghi, anche solo per fotografarli, mi rilassa, riesco a “staccare la spina” dai pensieri per diverse ore e ne ricevo un beneficio sia mentale che fisico, cosa potrei desiderare di più??
Claudio Pia       
Nature Photographer 
www.claudiopia.it 


Cita questa pagina:
Pia, C. (2012. Maggio).Fotografia e funghi. Estratto da AppuntidiMicologia ©
http://appuntidimicologia.blogspot.com/2012/05/fotografia-e-funghi.html
 

12 commenti:

  1. Sono tutte sensazioni piacevolissime, quelle di Claudio Pia, che vivo anch'io ogni volta che entro nel bosco con la macchina fotografica a portata di mano per ricercare e fissare nell'obiettivo ora l'effetto delle luci e delle ombre create dal sole, ora le forme e i colori di un fiore o di un fungo o di una foglia, ora i dettagli di un tronco, ora gli scintillii delle gocce d'acqua su uno stelo d'erba... Rispetto a Claudio non c'è la ricerca estetica spinta che regala forme e colori normalmente impensabili e invisibili e che, credo, amplifica in modo esponenziale le emozioni.
    Oltre alle emozioni vissute grazie alla creatività e all'utilizzo di tecniche fotografiche particolari, come afferma Claudio il tempo lungo e la capacità/predisposizione ad ascoltare e ad osservare sono alleati indispensabili per vivere pienamente il bosco, per gustarlo, per trarre dalla passeggiata tra gli alberi quella sensazione di pienezza, quell'appagamento psicologico, quel rilassamento che servono a ricaricare le batterie per affrontare meglio il trantran della vita quotidiana. E dentro, dopo la passeggiata, ti rimane il desiderio del ritorno per rivivere le stesse o altre corroboranti emozioni... E' passione.
    Condivido con Claudio anche la rabbia per i comportamenti per nulla intelligenti di tanti frequentatori dei boschi.
    Concludo con un apprezzamento e un ringraziamento a Claudio Pia per le immagine che ci regala: ognuna di esse è fonte di emozioni.
    Luciano Ponzoni

    RispondiElimina
  2. Io conosco questo signore... Claudio Pia ha un'arte non ancora del tutto compresa da molti internauti.
    A suo tempo l'ho encomiato per le sue stupende foto viste proprio su questo blog di micologia.
    Come dissi a suo tempo io amo fotografare e so che c'è sempre da imparare studiando l'arte altrui.
    I miei complimenti vanno anche al suo sito.
    Matteo Passoni

    RispondiElimina
  3. Ringrazio di cuore il Sig Luciano e Matteo per le bellissime parole,

    solo chi vive i boschi riesce a capire appieno cosa significa provare un'emozione nell'esplorarli e "perdersi" mentalmente in essi...

    Vedo che siamo sulla stessa lunghezza d'onda...

    Matteo, io a mia volto studio giornalmente online e sui libri l'arte altrui con umiltà e spirito costruttivo in modo da poter sempre progredire più velocemente, è da quando ho iniziato a fotografare 7 anni fa che mi comporto in questo modo....

    Buon pomeriggio!

    Claudio Pia

    RispondiElimina
  4. La cosa che più ammiro nelle foto e dei reportage di Claudio è che tutto arriva dalla sua terra, dalla Val d'Aveto, dietro l'angolo di casa, tutti luoghi vicini a lui.
    E' la capacità di trasmettere emozioni con un occhio che va oltre.
    E' come il cercatore di funghi che sa leggere il territorio e scova tesori tra le foglie.
    Complimenti, sono anche convinto che una terra come la Val d'Aveto aiuti l'ispirazione per scattare immagini stupende come le tue.

    P.S.: ma quest'autunno non trovi l'ispirazione per fare da Guida a 3 o 4 micologi con la passione della fotografia?
    Ci si sente!
    ciao

    RispondiElimina
  5. Il suggerimento, anzi, per la precisione "l'incitamento" a far da guida al Claudio Pia, mi fa sognare....
    Se ci fosse un posticino, io vorrei recitare il ruolo dell'antico rullino fotografico "Kodak".
    Mi nascondo in una delle vostre macchine fotografiche ed immagazzinerei così le più belle emozioni viste dai vostri occhi (e dai miei...!).
    Sognare non è peccato! (mi disse l'anziano parroco quand'ero ragazzo... Meno male!)
    Complimenti per il sito "Nature Photographer"
    Dante - Monza

    RispondiElimina
  6. Grazie Stè,
    vedremo nella stagione giusta!!

    Uno dei miei Reports s'intitola " Alla scoperta della nostra Amazzonia" ed è il sunto di quello che con un pò di sbattimento, ricerca e studio si possa trovare a due passi da casa nostra http://www.claudiopia.it/Report_alla_scoperta_della_nostra_Amazzonia.html

    Grazie anche a te Dante!!!

    Buona giornata

    Claudio

    RispondiElimina
  7. Mi è capitato più volte di vedere le foto di Claudio Pia e sempre ne resto affascinato per quell'alone magico che emanano. Dire che sono delle belle foto è riduttivo, in realtà sono opere d'arte che esaltano e magnificano la bellezza di ciò che ritraggono. In ogni scatto traspare la sapiente tecnica fotografica dell'autore e la sua perfetta sintonia con la natura. Complimenti!!

    e .. grazie a Stefano per averlo proposto in questo spazio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!
      ciao.
      Occhio a lunedì 7 maggio ;-)

      Elimina
  8. Grazie a te Ernesto per queste parole,
    di mio aggiungo che mi reputo un entusista ed appassionato ma la qualità che ho in mente è ancora molto lontana e con essa la piena soddisfazione ma forse meglio così!!!

    RispondiElimina
  9. Bellissime fotografie! Mi fanno tornare la voglia di dedicarmi alla fotografia macro per spiare la natura da un punto di vista diverso...complimenti!

    Intanto vi faccio un po' di pubblicità qui
    http://www.facebook.com/geomagazine
    ;)

    Silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Geomagazine?!?
      Quale onore!!!
      Grazie
      ciao :-)

      Elimina
  10. Ti ringrazio molto Silvia, sei stata veramente gentile!!!
    Sono stato ospite della rivista Geo con una foto a doppia pagina di una rana e la soddisfazione è stata grande!!!

    Thank's...

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...