lunedì 14 maggio 2012

Genere Agaricus


Agaricus dal greco Agarikon = campestre/prato… Prataioli


Ecco un genere relativamente semplice da determinare, ma che va “affrontato” con tanta cautela, perché vanta ottimi commestibili e alcune specie tossiche che, se ingerite,  possono creare qualche spiacevole problema. 

Purtroppo, come avrete letto nel post del 7 maggio scorso, le Amanite bianche, mortali, (una su tutte in questo periodo è l’Amanita verna) a volte sono scambiate e raccolte come Agaricus. 

I Prataioli sono generalmente carnosi e di taglia medio-grande; in alcune specie, invece, si presentano piccoli (sez. Minores) o molto grandi (sez. Arvenses). I cappelli sono convessi in diverse specie, mentre in altre la parte discale è appianata. Per alcuni di questi funghi la cuticola è ornamentata da leggere squamettature.


Gli Agaricus sono funghi eterogenei, cioè non vi è continuità dal cappello al gambo, per cui gli stessi si separano facilmente. L’imenio ha lamelle libere al gambo, inizialmente rosate, poi porpora-brunastro-cioccolato fondente a completa maturazione. Per questa caratteristica delle spore in massa, gli agaricus rientrano nei funghi iantinosporei (spore viola-porpora).
I gambi di questo genere sono tutti dotati di anello, che può essere più o meno persistente, semplice, doppio, supero, infero a seconda delle specie, ma sempre privi di volva!!!

In alcune specie di Agaricus la carne, allo strofinamento, ha viraggio al giallo (sez. Arvenses, Xanthodermatei e Minores), mentre nella sezione Sanguinolentini vira al rosso più o meno intenso al taglio. Interessante ed importante è l’odore, distintivo delle diverse specie: anice, mandorle, fenolo...
Sono funghi terricoli o umicoli che prediligono habitat umidi.

I prataioli vantano specie molto apprezzate in cucina, come A. arvensis, A. silvestris, A. bisporus, il famoso Champignon coltivato e A. bitoquis

Va posta notevole attenzione agli Agaricus della sezione Xanthodermatei, dalla carne ingiallente e dal forte odore di fenolo (l’odore dell’inchiostro dei calamai di lontana memoria). Se consumati, ma ci vuole un bel coraggio con l’odore che emanano, causano sindromi gastroenteriche poco simpatiche.

Dopo questo post introduttivo, seguiranno le descrizioni delle specie più importanti ed interessanti.
Stefano Balestreri
* Grazie a A.Boffelli per le foto 

Cita questa pagina:
Balestreri, S. (2012. Maggio).Genere Agaricus. Estratto da AppuntidiMicologia ©
http://appuntidimicologia.blogspot.com/2012/05/genere-agaricus.html

4 commenti:

  1. Spero che mi aiuti a fare chiarezza.... è una di quelle specie che prendo sempre con le molle e per non rischiare a volte desisto.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero di esserci riuscito in poche parole.

      Non val mai la pena di rischiare con un piatto di funghi.
      Val al pena fare un salto agli Ispettorati micologi o alle associazioni, qualcuno disponibile a determinarli e ad aiutarti a conoscerne le caratteristiche, lo trovi sicuramente.
      Ciao e grazie

      Elimina
  2. C'è una spiegazione al fatto che i funghi prataioli o come li chiamate voi, Genere Agaricus, siano più buoni e profumati di quelli che acquisto al supermercato?
    La coltivazione dovrebbe migliorare oltre che le dimensioni anche le qualità organolettiche, oppure quelli che mio marito porta a casa sono di tipo diverso da quelli venduti?
    Lui li raccoglie nei campi qui intorno Pavia.
    Ieri ne ha portati a casa tanti e tutti uguali alle vostre belle foto.
    Caterina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verosimilmente i funghi raccolti da tuo marito potrebbero essere specie diverse di Agaricus (A.arvensis, A.campestris, ecc)che sono sicuramente più profumati e saporiti dell'A.bisporus o Champignon coltivato e commercializzato.
      Effettivamente A. bisporus anche in natura ha un profumo diverso dai precedenti e forse più "anonimo".
      L'impressione che nei funghi coltivati il profumo sia meno intenso è percepibile, forse dovuto al fatto che il substrato di coltivazione non ha le stesse caratteristiche che ha in natura. Il lato positivo dei coltivati è che li trovi tutto l'anno, sono veloci da pulire e sono sicuri!.
      Ciao e grazie

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...