lunedì 3 dicembre 2012

Immagini


Volpe rossa: Canon Eos 40D - Canon EF 400mm f/5.6 L USM 1/1600 sec. - f. 6.3 - iso 800




Ecco il secondo appuntamento con “Immagini”. Questa volta l’incontro è con l’amico  Massimo Strumia.

Con lui condivido alcune grandi passioni: l’interesse per la Natura, che egli sa ritrarre con scatti sublimi nei momenti migliori, e per la pesca a mosca, che ci regala momenti indimenticabili.  

Dell’immagine scelta per AppuntidiMicologia cosa si può dire?

Personalmente la ritengo bellissima e perfetta per essere pubblicata in questo periodo, visto l’avvicinarsi dell’inverno. Invito i lettori ad esprimere i propri pensieri nello spazio riservato ai commenti.

Dell’autore potrete scoprire altri scatti nelle diverse sezioni del suo sito web:  www.massimostrumia.it..

Nell’ultimo periodo Massimo ha aperto anche l’interessante blog “De rerum natura”, dove comunica a tutti le proprie impressioni ed esperienze su temi e tecniche fotografiche, care agli appassionati di fotografia.

Dimenticavo... Tra le passioni condivise c’è quella per una squadra di calcio che solitamente indossa magliette a strisce bianconere.

Grazie, Massimo!
 Stefano Balestreri
 

Cita questa pagina:

Balestreri, S. (2012. Dicembre).Immagini. Massimo Strumia. Estratto da AppuntidiMicologia ©

http://appuntidimicologia.blogspot.com/2012/12/immagini.html

9 commenti:

  1. Bellissima foto e straordinarie le foto presenti sul sito che ci hai segnalato. Complimenti all’ autore !!

    La volpe è un selvatico che, da sempre, ha alimentato la fantasia umana. Descritta, di volta in volta, come scaltra, bugiarda, ladra, difficilmente però le sue scorribande sono state sinonimo di esclusiva negatività mantenendo, comunque, un suo ruolo significativo e spesso umanizzato.

    Lo scorso anno, in visita a Stoccolma, ho scoperto un piccolo monumento che vede proprio una volpe come protagonista. Posto quasi in modo casuale all’ angolo di una strada, riprodotta come una mendicante ricoperta di stracci richiama l’ attenzione verso coloro che sono ai margini nelle nostre metropoli opulente: i senzatetto, coloro che vivono per strada, uomini e donne, presenze diventate invisibili ai più e inesistenti per molti.

    In realtà il sito dove è stato posto questo piccolo capolavoro non è affatto casuale ma è proprio di fronte al Parlamento a ricordare, ogni giorno, ai politici in transito su quella strada, la condizione di coloro che, ancora oggi, vivono in condizioni di estrema povertà e che non hanno nulla oltre alla loro coperta di stracci.

    Non potendo inserire la foto la potrete vedere qui :
    http://www.panoramio.com/photo/36186039

    Ciao

    RispondiElimina
  2. Ci sono passione e pazienza che hanno permesso di immortalare un animale selvatico e schivo come la volpe, in pieno giorno mentre osserva il suo fotografo!
    Oltre allo splendido esemplare c'è da ammirare la qualità della foto.
    Di certo non è fatta in automatico perché la luminosità della neve avrebbe reso la volpe nera (sottoesposta).
    Complimenti. Qui ci vuole esperienza, anche perché il soggetto non permette repliche!
    Saluti, Dante

    RispondiElimina
  3. Un caloroso ringraziamento a Dante e Ernesto per i gentili commenti. Ne approfitto per ringraziare anche l'amico Stefano per le belle parole nei miei confronti e per avermi dato un po' di spazio sul suo interessantissimo blog!
    Ciao a tutti!

    Massimo

    P.S. forza Juve!

    RispondiElimina
  4. Io sono un naturalista di vecchia data, nelle mie escursioni trovo e riconosco le "fatte" delle volpi, tassi, etc. etc.
    Le volpi in particolare le fanno a volte su cespuglietti o rocce in bella mostra.
    La nostra bella modella è seduta sopra un masso...?
    Ciao - Lorenzo

    RispondiElimina
  5. C'è da emozionarsi di fronte ad un animale selvatico che si mette in posa per te! Ma quanta abilità e quanto mestiere occorrono per immortalarlo come hai fatto tu! Da fotografo del mondo naturale "statico", oltre all'ammirazione, c'è un po' d'invidia nei tuoi confronti. E l'ammirazione c'è anche nei confronti di Dante che, con la sua osservazione, dimostra di essere ormai un fotografo navigato.
    Ho avuto modo di visitare il tuo sito: complimenti!
    Luciano

    RispondiElimina
  6. x Lorenzo: no, non era seduta su un masso e nemmeno impegnata a fare un bisognino... :-)

    x Luciano: grazie mille per i complimenti però devo essere sincero: pur essendo una volpe selvatica quella della foto ha molta familiarietà con gli esseri umani. Capita abbastanza spesso, la volpe rossa fa parte della schiera degli animali opportunisti. Si tratta di animali che, se ne ricavano un beneficio (cibo, riparo, ecc...) possono modificare i loro comportamenti tipici e vincere la naturale diffidenza verso l'uomo.

    Ciao

    Massimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Massimo dice, a proposito della volpe, che spesso per opportunismo cambia atteggiamenti verso l'uomo...!!!
      Sembra che si parli di donne... In fondo in fondo "la volpe" è di genere femminile...!!! E' quindi tutto regolare cioè normale.
      Alberto di Biella

      Elimina
  7. Grazie a tutti per gli interventi, a Massimo per i chiarimenti e le notizie sull'immagine.

    x Massimo:
    Molti complimenti ti sono stati fatti da amici che seguono costantemente il blog, ma non si avventurano molto nei commenti e nelle registrazioni. In particolari dagli amici micologi che ho incontrato nei giorni scorsi durante il Convegno a Milano, che hanno apprezzato molto la tua fotografia.
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando ne avrai l'occasione ringraziali molto da parte mia. La fotografia naturalistica è una grande passione e mi fa molto piacere condividerla.
      A presto!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...