lunedì 11 febbraio 2013

Tartufi

                                            Dolly                                   © S.Balestreri

Dopo più di un anno di rinvii, ecco che nei giorni scorsi arriva una mail dell’amico Stefano che mi chiede come va  e se, sabato o domenica, sono disponibile per un giro a tartufi.

Rispondo, ma appena inviata la mail non resisto e telefono per confermare la mia disponibilità. Senza riflettere minimamente, chiedo che tartufi ci sono in questo periodo e la risposta è la più ovvia: Tuber brumale e Tuber melanosporum (il nero), tartufi invernali.

Senza troppe aspettative da parte mia sulla possibilità di una positiva raccolta, nel primo pomeriggio ci si incontra nel luogo stabilito per fare quattro passi in mezzo alla natura, per sgranchirsi e scattare qualche foto.

Naturalmente con i nostri nasi non avremmo trovato nemmeno un tartufo, quindi… ecco l’attore principale del pomeriggio, o meglio, l’attrice, la star, che veramente mi ha lasciato a bocca aperta per la sua bravura: Dolly.

È una meticcia di quasi 3 anni, silenziosa, precisa e metodica... una vera e propria macchina da guerra - ops - da trifola!!!

           Dolly  in azione   © S.Balestreri
L’avevo vista in azione una sola volta, due anni fa, durante una manifestazione organizzata dal gruppo micologico di Desio per far conoscere le caratteristiche e le capacità dei cani addestrati alla cerca del tartufo. Lì il campo era ristretto e poi avevano posizionato i “tartufi-esca” appositamente per lo scopo, quindi non mi ero stupito più di tanto della sua bravura. 

Sabato pomeriggio, invece, sono rimasto ipnotizzato dalla capacità e dalla precisione di questa cagnolina. 

Un continuo ritrovamento di T. brumale e melanosporum, i primi di dimensioni poco più grandi di una nocciola ed i secondi ben più voluminosi e massicci, simili a piccole patate. 

Ogni volta che fiutava e scavava, il tartufo usciva, senza mai sbagliare un colpo.

Stefano mi raccontava delle caratteristiche di Dolly e soprattutto della sua migliore in assoluto. La cagnolina non è stata addestrata alla ricerca selettiva delle specie pregiate, ma ha fiuto buono per tutti i funghi ipogei, Elaphomyces compresi.

Questa dote, utilissima per noi micologi, permette di rilevare la presenza di tutte le specie che crescono in determinati territori, facilitando la mappatura e lo studio di funghi che altrimenti nessun essere umano scoverebbe.

Sono state tre ore interessanti e molto fruttuose, tanto che mi sono ritrovato omaggiato di quasi quattro etti di tartufi.
              Tuber brumale e Tuber melanosporum     © S.Balestreri


Tornando verso casa con il profumato raccolto ero preoccupato di come riuscire a farne buon uso, senza creare scompiglio in casa: la moglie proprio non li tollera per la “puzza” (così dice lei! De gustibus…), invece io e i figli ne siamo ghiotti.

Al rientro, Giuliana era pronta per uscire: - È Sant’Agata, la festa delle donne! - mi dice.

Ho sorriso facendo l’occhiolino ai figli e pensando: “Ci va di lusso: Sant’Agata ci ha fatto la grazia!”

Un grazie speciale all'amico Stefano Seghezzi.
Stefano Balestreri

Cita questa pagina:
Balestreri, S. (2013. Febbraio).Tartufi. Estratto da AppuntidiMicologia ©
http://www.appuntidimicologia.com/2013/02/tartufi.html



6 commenti:

  1. Bella esperienza vero? Ho avuto modo di vederla lavorare. Ha fatto anche da trainer alla. mia maya

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' stato molto interessante e ho saputo che Maya sta "crescendo" bene, merito anche di Dolly!
      A presto.

      Elimina
  2. Caro Stefano, ho letto con molto interesse la tua cronaca dell'uscita di sabato a tartufi e mi ha riportato alla mente quando con il mio cane, circa venti anni fa, facevo le mie uscite e tornavo a casa spesso solo con qualche Gautiera puzzolente. Ma era molto bello e questo mi manca.
    Un caro saluto
    Gianfranco Visentin

    RispondiElimina
  3. Dolly stupenda....!

    Si lecca i baffi in attesa della sua giusta ricompensa
    dopo l'ennesimo ritrovamento!
    Ciao, Dante

    RispondiElimina
  4. Brava Dolly, hai conquistato i golosi, da parte mia condivido Giuliana!
    Giusi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un'altra donna che non sopporta il Profumo dei tartufi ;-)
      Ciao.
      Stefano

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...