mercoledì 19 giugno 2013

Corso Micologi e Medici

Il Dipartimento Emergenza-Accettazione in collaborazione con Dipartimento di Prevenzione organizzano:

Evento residenziale

Clinica delle intossicazioni da funghi e collaborazione tra Operatori Sanitari




24 settembre 2013 dalle ore 8.30 alle 17.00
Sede del corso: Centro di Formazione Via Mirafiori 11, Moncalieri -TO

In caso di avvelenamento da funghi l’interpretazione dei sintomi, dei valori dei parametri di laboratorio, nonché l’esame del materiale fungino (avanzo di pasto, vomito od aspirato gastrico), risultano determinanti per una corretta diagnosi.
L’evento viene organizzato con lo scopo di analizzare i nuovi indirizzi operativi regionali per la consulenza ai presidi ospedalieri nei casi di presunta intossicazione da funghi.

Formare il personale sanitario sulle procedure che si devono mettere in atto per una corretta gestione dell’intossicazione e fornire agli operatori sanitari nozioni cliniche per la diagnosi e la cura dei casi.
Creare una rete di collaborazione multidisciplinare che coinvolga tutti gli operatori sanitari dalla chiamata del 118 alla cura del paziente in DEA.

DESTINATARI 50 (35 ESTERNI fino ad esaurimento posti- 15 INTERNI) Medici, Micologi, Infermieri.
 Il corso è rivolto al personale dei DIPARTIMENTI di EMERGENZA e di PREVENZIONE

PROGRAMMA

Presentazione e introduzione evento formativo; 
Il ruolo dell’Ispettorato micologico in caso di intossicazione da funghi :
Gli indirizzi operativi regionali sulla consulenza alle strutture di emergenza;
Intossicazione da funghi: casi particolari ;
Le intossicazioni da funghi: l’iter diagnostico-terapeutico (prima parte);
Le intossicazioni da funghi: aspetti pratici –gestionali nei DEA/P.S. dell’ASL To5 :
Pausa pranzo
Le intossicazioni da funghi: l’iter diagnostico-terapeutico (seconda parte)- casi clinici:
Questionario finale

Docenti
Francesca Assisi:
Medico Centro Antiveleni Ospedale Niguarda di Milano
Marino Balma:
Esperto Micologo Coordinatore Centro di controllo Micologico ASL TO5- CHIERI
Dimitri Gioffi:
Esperto Micologo ASLVCO Responsabile Centro di controllo Micologico ASL VCO – OMEGNA
Francesco Golzio:
Biologo ed esperto Micologo Responsabile Centro di controllo Micologico ASL TO4- CIRIE’
Alessandro Mastroianni:
Direttore S.C.Anestesia/Rianimazione Ospedale Maggiore di CHIERI
Marisa Panata:
Esperta Micologa ASL AT Referente Centro di controllo Micologico ASL di ASTI


Stefano  Balestreri



5 commenti:

  1. ciao Stefano,ottimo argomento, siamo nel 3 millennio e purtroppo
    ci sono ancora DEI CASI DI AVELENAMENTO
    DI FUNGHI , PENSO? CHE TUTTE LE REGIONI CI
    SONO LE ASL CON DEI MICOLOLOGI, ASSOCIAZIONI
    CON ESPRTTI E MICOLOGI . SPERIAMO CHE X NON CI SIA DEI CASI DI AVVELENAMENTO. CIAO EMILIO

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutti gli anni speriamo ma putroppo qualcuno ci casca. Pensare che basterebbe cosi poco. Con questi corsi ci si specializza sempre piu' per salvare chi ha ormai fatto la frittata. Segno che ce ne bisogno. Ciao
      grazie
      Stefano

      Elimina
  2. ...più che un commento è una domanda: il flusso di partecipanti a questi corsi è scarso...,medio...,completo?
    Come vanno le iscrizioni...e le assunzioni?
    Se sai qualcosa...! ciao lucio

    RispondiElimina
  3. Ciao.
    Mah...Il problema principale sono i costi per mandare il micologo a formarsi. Le ASL non sempre investono in questi corsi....meno male che c'è sempre tanta buona volontà da parte dei singoli. Fondamentalmente non saprei dirti di più.
    stefano

    RispondiElimina
  4. Ciao, allora io ho sempre partecipato a corsi del genere, sempre come ASL, e si sono rivelati sempre disponibili, anche per il corso di specializzazione di II livello; tuttavia questo verrò come singolo percè in quel periodo sono in ferie. Dovrebbero essere creati piu corsi del genere, sia per l'incremento delle conoscenze dei vari micologi sanitari, che per una sensibilizzazione ai medici in emergenza, che spesso tendono a sottovalutare il problema e/o a essere saccenti in fatto di funghi, ma poi di fatto trattano il paziente intossicato da Armillaria come se avesse mangiato una Amanita phalloides mannara! Per cui ben vengano questi corsi!!! Ci vediamo li per chi ci sarà!
    Alex

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...