lunedì 28 ottobre 2013

Andar per boschi 2

Un secondo contributo dell'amico Luciano Ponzoni sul piacere di vagare nella Natura senza lo stress della ricerca a tutti i costi di sua Maestà il Porcino

Andar per boschi alla ricerca di funghi

                                            Limaccia                    © Luciano Ponzoni
Da noi la stagione dei funghi è arrivata portando nel paniere un po’ di amarezza per gli accaniti cercatori di porcini: pochi i fortunati, tanti, invece, coloro che vivono in crisi di astinenza e che vagano incessantemente sui pendii boscosi nella segreta speranza di trovarsi davanti a una fioritura da infarto, come può capitare una volta nella vita. 

Non è il mio caso, perché non sono un patito dei funghi da far saltare in padella, tuttavia devo confessare che sono stato sfiorato da un pizzico di delusione tutte le volte che il mio attento e frequente girovagare nei boschi “casalinghi” non aveva fruttato neppure la fotografia di una mazza di tamburo, solitamente abbondante dalle mie parti nel mese di settembre. 

Quest’anno, dunque, la penuria di funghi si è fatta sentire per tutte le specie e la cattura di immagini, belle ed interessanti, è stata possibile solo da un paio di settimane, quando la pioggia ha più volte bagnato la terra e la carestia ha lasciato il posto all’abbondanza.
 
                          All'attacco!     ©  Luciano Ponzoni
Nel periodo di siccità, tuttavia, dopo un paio di modesti temporali, la Natura aveva voluto premiare la mia costante ricerca ponendo davanti ai miei occhi delle immagini che mi hanno affascinato: il pasto mattutino di due lumache a base di Xerocomus rubellus

                       Buon appetito    ©  Luciano Ponzoni
Non è la prima volta che mi capita di immortalare questi animali mentre mangiano, ma in questa occasione ho voluto riprendere con una sequenza la loro fame e il modo in cui l’hanno saziata nel giro di pochi minuti. 

È stato uno spettacolo divertente e suggestivo! Il porcino? Se c’è e me lo regalano lo mangio volentieri, ma il mio saziarmi, come si può capire da queste immagini, va ben oltre il sapore del pregiato e ambito fungo.  
Luciano Ponzoni
Cita questa pagina:
Ponzoni. L. (2013. Ottobre).Andar per  boschi 2. Estratto da AppuntidiMicologia ©
http://www.appuntidimicologia.com/2013/10/andar-per-boschi-2.html

7 commenti:

  1. Ottimo reportage! Capisco bene quanto dici, io esco SOLO a velenosi senza alcuna frenesia da porcino che pur amo sia vedere che mangiare!

    RispondiElimina
  2. Molto bella, foto didattica! Complimenti!!!

    RispondiElimina
  3. Tantissima gente mangia di tutto, ogni fungo che trova, tossico e non...!
    Ma se qualcuno volesse provare a mangiare le limacce (come fanno i francesi con le escargot), ci sarebbero meno danni negli orti e più funghi sani nei boschi.
    Ma saranno buone?
    Sono anche loro colorate come i funghi .... rosse, grige, nere, marroni....
    Che spasso, non c'è che l'imbarazzo della scelta!
    Ciao Battista

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lascio a te la prova.
      Immòlati per le scienze culinarie e tossicologiche.
      Aspettiamo qui un tuo resoconto su gusto ed effetti conseguenti all'assaggio.
      Speranzosi attendiamo.... :-) :-) :-)
      ciao
      stefano

      Elimina
    2. Con l'arrivo della prima carestia in Italia, ci saranno le condizioni ottimali per questo esperimento....
      Ho comunque un dubbio..., visto che le lumache possono mangiare anche funghi per noi velenosissimi, potrebbero diventarne un vero concentrato ad esempio di amanitina ! ! !
      LASCIO REALIZZARE AGLI ALTRI QUESTO ESPERIMENTO.
      Ciao e grazie, Battista

      Elimina
  4. Mi associo senz'altro al commento di Anonimo (30 Ottobre). Qualcuno si è preso la briga di calcolare che questi animaletti sopportano concentrazioni di amanitine mille volte superiori a quella minima per noi pressochè mortale. Infatti mangiano impunemente l'Amanita phalloides senza risentirne minimamente. Anche "purgando" le lumache quindi, e poi mangiandole, si potrebbe correre un serio pericolo di avvelenamento per così dire "indotto" Meglio lasciarle dove sono!.
    Ciao,
    Renzo

    RispondiElimina
  5. Quello che ho detto in forma pressoché scherzosa, è frutto di antichi ricordi, quando mio papà mi portava da bambino a raccogliere le lumache.
    "Mai raccoglierle sugli oleandri, mai su questo, mai su quest'altro... mai vicino le strade o discariche...!
    Quanto ci dice il sig. Renzo, mi fa venire la pelle d'oca.
    "Mille volte più resistenti di noi alle amanitine!" Impressionante.
    Grazie sig Renzo per questa informazione preziosa.... anzi VITALE ! ! !
    Battista di Bergamo

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...