giovedì 1 maggio 2014

Expo 2015

Aspettando EXPO...



 “Nutrire il pianeta, energia per la vita” è il tema di EXPO 2015 che tra un anno esatto aprirà i battenti al mondo intero.
Riprendo interamente dal sito dedicato quella che è a tutti gli effetti una dichiarazione d’intenti, anzi una vera e propria scommessa e promessa nei confronti dell’umanità.

“È possibile assicurare a tutta l’umanità un’alimentazione buona, sana, sufficiente e sostenibile?
Con questa domanda si apre la sfida dell’Esposizione Universale di Milano 2015.
Il Tema di Expo Milano 2015 si propone di affrontare il problema della nutrizione per l'Uomo, nel rispetto della Terra sulla quale vive e dalla quale attinge le sue risorse vitali ma esauribili.
Alimentazione, sostenibilità, ricerca e sviluppo sono i focus su cui si concentra l'Evento per trovare il modo di garantire cibo e acqua a tutta la popolazione mondiale. Ad Expo Milano 2015 i Paesi Partecipanti portano le loro competenze nei settori dell'agricoltura, della produzione industriale, del commercio dei prodotti e della ricerca scientifica. Prendendo spunto da queste expertise, lo scopo è quello di trovare dei modelli di sviluppo per assicurare a  tutta l'umanità un'alimentazione buona, sana e sostenibile capace di tutelare la biodiversità indispensabile per la salute del Pianeta.
Expo Milano 2015 non si conclude il 31 Ottobre 2015. Il risultato del semestre di lavori, incontri, seminari lasceranno come legacy il know-how in grado di ottimizzare la catena alimentare proponendo nuove prospettive, riducendo gli sprechi, aumentando la sicurezza alimentare e recuperando il valore nutrizionale del cibo.”

AppuntidiMicologia, con tutti i suoi limiti, cercherà di far conoscere gli eventi di rilievo che si succederanno da qui all’apertura dell’esposizione il primo maggio 2015, perché i funghi hanno un ruolo fondamentale per la nutrizione del Pianeta.

Basti pensare che senza alcuni lieviti e muffe non ci sarebbe il pane, il vino, alcuni formaggi e la birra ...giusto per citare alcuni “piaceri della vita”. Allo stesso modo occorre riflettere su quali rischi ci possono far correre alcuni funghi, da quelli mortali (Amanita phalloides, Amanita verna ecc) a quelli parassitanti intere colture agricole (Ustilago maydis e Clavyceps purpurea) con conseguenze nefaste sui raccolti. Non da ultimo, serve essere informati sulla contaminazione alimentare da Aflatossine: micotossine, cancerogene, prodotte da Aspergillus.

Per i prossimi 365 giorni le iniziative e gli eventi si moltiplicheranno per preparaci a vivere la grande esposizione universale: seguiamole insieme sul sito ufficiale di EXPO2015 e sulle principali pagine dei Social Network.


Buona attesa!
Stefano Balestreri
Cita questa pagina:
Balestreri, S. (2014. Maggio).Expo 2015 Estratto da AppuntidiMicologia ©
http://www.appuntidimicologia.com/2014/05/expo-2015.html

4 commenti:

  1. Nobile intento sostenere l'EXPO di Milano e quanto verrà affrontato a sostegno della nutrizione per l'uomo e non solo....!
    Meno proteine animali, bilanciate da quelle vegetali, per un maggior benessere globale.
    Io sosterrò "Appuntidimicologia", se tale sarà il suo obiettivo, poiché credo che questo sia un grande passo in avanti visto che la seconda guerra mondiale è finita da settant'anni e noi non abbiamo di certo la necessità di ingrassare ulteriormente!
    Saluti cordiali
    Matteo Passoni

    RispondiElimina
  2. Mi collego anch'io al tema principale dell'EXPO 2015 su cibo e nutrizione. Allo stesso tempo faccio un passo indietro sulla recente nota di Stefano relativa a Geopora sumneriana (ex "Sepultaria"). Così per curiosità ho consultato tre diverse fonti ed ho visto che riguardo alla commestibilità di questo fungo vengono riportate tre diverse definizioni, ovvero "potrebbe essere consumata" poi "senza valore" ed ancora "non commestibile". Certo, con quello che si sa oggi, è sicuramente opportuno che nessuno faccia avventatamente prove su se stesso in tal senso. Ma, se pensiamo che il pianeta avrà presto bisogno, se non addirittura da ora, di fonti alternative ed aggiuntive di cibo, penso che sia un peccato che non si approfondiscano meglio con indagini biochimiche e quant'altro aspetti di potenziale commestibilità e valori nutrizionali dei funghi, non solo dei simbionti, ma anche dei saprofiti forse più gestibili da un punto di vista produttivo. In questo senso, a mio avviso, governi ed istituzioni specializzate dovrebbero investire risorse per indagare più a fondo la questione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La questione è molto complessa. Governi, istituzioni e quant'altro devono fare il possibile, con l'aiuto di tutti noi, per poter alimentare in modo equo e sicuro le popolazioni più bisognose. Il nostro personale aiuto può iniziare con il consumo dello stretto necessario. Sarebbe un bene per tutti noi ed anche per la nostra salute e...del nostro portafogli!
      Vedremo chi vincerà questa grande scommessa...
      Ciao e grazie
      stefano

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...