martedì 30 gennaio 2018

Tapinella atrotomentosa

Tapinella atrotomentosa (Batsch : Fr.) Šutara 1992

Tapinella atrotomentosa  ©  Jaroslav Malý
Quando l’ho conosciuto era Paxillus atrotomentosus e da qualche tempo è Tapinella atrotomentosa, un cambio di Genere…
A parte le allusioni che si potrebbero generare, è opportuno specificare che i motivi del cambio sono esclusivamente filogenetici. Nel precedente ordinamento tra i Paxillus erano presenti specie sia terricole (Paxillus involutus) che saprotrofe, ovvero che vivono su residui legnosi in decomposizione …quasi dei lignicoli.

Quindi, fondamentalmente una divisione a seguito dei diversi habitat di crescita, ma non solo: dal punto di vista microscopico Tapinella rispetto a Paxillus ha spore molto più piccole, assenza di cistidi ed il gambo eccentrico.

Tapinella atrotomentosa  ©  Jaroslav Malý

Questa specie cresce singola o in gruppi su ceppi e radici in decomposizione di conifere. Il cappello può raggiungere fino ai 25 cm di diametro, la cuticola è finemente vellutata nei giovani esemplari, di color nocciola-olivastro fin quasi al tabacco, depresso al centro con orlo a lungo involuto. Il gambo è breve e tozzo, spesso eccentrico. 


La caratteristica principale che lo caratterizza e che dà il nome a questa specie è la sua finissima ed intensa “villosità” (atro = scuro e tomentoso = peloso). L’imenio di questo basidiomicete è a lamelle giallo-avorio, fitte e decorrenti sul gambo, con anastomosi e forcazioni. 

Tapinella atrotomentosa  ©  Jaroslav Malý
Caratteristica del fungo è anche l’estrema facilità di asportare le lamelle con un semplice scorrimento delle dita su di esse. Le spore in massa sono di color ocra. 
Alla manipolazione la carne del fungo tende velocemente all’annerimento. Inoltre, risulta molle e di sapore fortemente astringente, caratteristica questa che lo confina tra i funghi NON COMMESTIBILI.

*Un grazie particolare  Jaroslav Maly' i per le foto.

Stefano Balestreri
Cita questa pagina:
Balestreri, S. (2018. Gennaio).Tapinella atrotomentosa. Estratto da AppuntidiMicologia ©


6 commenti:

  1. Benritrovato e Benritornato con AdM, Stefano. E' un appuntamento al quale ero abituata e le buone abitudini vanno coltivate. Tanti auguri per tutto, Oretta

    RispondiElimina
  2. Buongiorno Stefano sono lieto che tu riprenda il tuo interessante blog

    RispondiElimina
  3. ... Si riprende col "botto" ...
    Un bell'articolo e delle bellissime foto ! ! !
    Complimenti.
    Dante

    RispondiElimina
  4. Jaroslav Maly'1 febbraio 2018 15:53

    Stefano sul tuo sito i funghi hanno un aspetto migliore di quello che sono veramente :)

    Ciao
    Jaroslav

    RispondiElimina
  5. Daniela - Gruppo Carpinetum Mestre1 febbraio 2018 15:56

    Ciao Stefano , è un pò che non ci sentiamo , comunque solo x dire che anch'io l'ho sempre chiamato Paxillus atrotomentosus ma, con tutti questi sconvolgimenti che stanno succedendo con sti cambi di nomi nei funghi uno fa un pò fatica a stargli dietro , ma ... ci dovremo adeguare purtroppo , beh salutoni e alla prossima , Daniela

    RispondiElimina
  6. Angelo Miceli24 marzo 2018 05:26

    Ciao Stefano, ben tornato e grazie per questa interessante spiegazione

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...