da M a P



M
Macromiceti : Termine che indica i funghi superiori (macroscopici); funghi spontanei di una certa dimensione, in contrapposizione con quelli di dimensioni microscopiche.
Maculato : si dice, di solito, di un cappello che presenta delle macchie o chiazze di una tinta diversa da quella del fondo.
Mammellone : Prominenza situata al centro del cappello.
Manicotto : Forma di anello sul gambo originata da una proliferazione degli orli delle lamelle (es. Amanita).
Marezzato : Si dice di superficie venata come il marmo con alternanza di venature chiare e scure.
Marginàte : vedi Secedenti.
Marginato : Bulbo ingrossato con forma grosso modo a cono rovesciato, col bordo più o meno spigoloso. I due modelli più rappresentativi sono il marginato scauroide e il marginato a fittone. Frequenti nel genere Cortinarius, sottogenere Phlegmacium.
Margine : Bordo, orlo del cappello o delle lamelle.
Melanosporei : Funghi le cui spore in massa (sporata) sono di colore nero o nerastro.
Melzer o reattìvo di Melzer : Soluzione allo iodio usata soprattutto per la prova della amiloidia.
Membranaceo : vedi membranoso.
Membranoso : Si dice di un organo sottile, flessibile e abbastanza resistente. Si applica talvolta alla carne del cappello di certi funghi (Marasmius) quando essa è sottile e un po' tenace; cosi pure all'anello di alcune specie il cui tessuto ha la struttura e la consistenza di una membrana. È sinonimo di membranaceo.
Merulioide : Si dice di imenio pieghettato, poroso, con i contorni dei pori fertili.
Metacromasia : vedi Metacromatico
Metacromatico : Si dice di una membrana oppure uno strato di essa (delle spore, cellule o ife) che in un colorante assume un colore diverso da quello del colorante, ad esempio. certe spore di Macrolepiota presentano uno strato blu e uno strato rosso dopo la colorazione col blu cresile. L'amiloidia non è compresa nella metacromasia.
Micaceo : Provvisto di granulazioni rifrangenti tipo mica.
Micelio : Reticolo filiforme dei funghi che si trova normalmente nel substrato (terreno, legno, sterco, ecc.). È la parte vegetativa ed è costituito da molte cellule allungate (ife).
Micete : Sinonimo di fungo.
Micocenosi : Associazione di funghi.
Micofago : Persona che utilizza i funghi per uso alimentare.
Micoflora : Insieme delle specie di funghi che vegetano in una determinata regione.
Micologia : È la scienza che studia i funghi sotto molteplici aspetti, alcuni dei quali hanno oggi assunto una tale considerevole importanza, da essere considerati dottrine scientifiche a sé stanti.
Micologo : È colui che si dedica allo studio dei funghi.
Micorriza, micorrizia : Associazione mutualistica tra il micelio di un fungo e le radichette terminali di vegetali superiori
Micorrizico : Si dice di un fungo che è in simbiosi con piante superiori, (di solito ad alto fusto). È sinonimo di micorrizogeno e di simbionte
Micromiceti : Funghi spontanei microscopici, di studio in patologia vegetale.
Micron : 1/1000 mm, abbreviato μm.
Microscòpico : Elemento molto piccolo, osservabile solo se fortemente ingrandito con l'ausilio di un microscopio.
Midolloso : Gambo ripieno di sostanza molle, cotonosa, sinonimo di farcito.
Mitiloide : Simile a un mitile o a una conchiglia.
Mitra : parte superiore del cappello delle Helvellaceae e Morchellaceae
Mitriforme : Forma simile alla mitra vescovile.
Mobile : Si dice generalmente dell'anello delle Macrolepiote, spostabile in su e in giù lungo il gambo. Vedi
anche scorrevole.
Moniliforme : A forma di filo di perle.
Monotipico : Termine che indica tipi di genere rappresentato da un'unica specie.
Morfoevolutivo : Fungo che durante lo sviluppo manifesta un graduale ma evidente cambiamento di forma.
Morfologia : la scienza che si occupa della forma e pone in risalto gli aspetti fisici e strutturali degli organismi.
Mucillaginoso : si dice di un organo ricoperto di mucillagine, cioè di una sostanza semidensa, filante e più o meno vischiosa, avente un aspetto gelatinoso
Muricato : si dice del cappello quando è munito di punte robuste e corte. Il termine si usa anche per cistidi di certe specie (Inocybe), coronate di cristalli irti alla sommità (cistidi con cristalli).
Mycenòide : Con forma, portamento e aspetto generale simili a quello di una Mycena.
N
Nabelliforme : A forma di ventaglio.
Napiforme : Bulbo a forma di anfora, a forma di rapa.
Nervatura : sinonimo di costolatura.
Neutròfilo : termine che designa i funghi che preferiscono i terreni leggermente acidi o neutri.
Nigrescente : si dice di un organo che tende a diventare nero.
Noduloso : carpoforo con piccole protuberanze da nodose a nodoso composte
Nomenclatura : l'insieme delle regola fissate in appositi convegni internazionali botanici, alle quali occorre adeguarsi o fare riferimento, per la classificazione sistematica degli organismi vegetali.
Nota : in micologia è sinonimo di 'componente odorosa'.
Nudo : Si dice di un gambo sprovvisto di ornamentazioni.
O
Ob : prefisso che sta ad indicare una posizione o una forma inverse di quelle normali. Cosi, obconico è un cono con la punta in basso; obovato significa che ha la forma di un uovo con la parte più tonda e grossa in alto, ecc.
Obeso : si dice di un gambo piuttosto robusto quando oltre che spesso alle estremità, è rigonfio nella sua parte centrale; il significato è più forte di ventricoso ma esso non è adattabile a un gambo sottile, che in tali condizioni può essere definito solo fusiforme
Obliterato : si dice di un organo, per esempio un’ifa il cui canale interno è ostruito, per causa naturale o per azione accidentale esterna. li termine è pure usato per indicare che un organo è quasi del tutto mancante o appena visibile: per esempio, un anello obliterato, un gambo obliterato, ecc.
Obovato : della forma, simile ad un uovo rovesciato, con la parte più tonda verso l'alto.
Obsoleto : poco sviluppato, poco evidenziato
Ocellate : vedi Guttulate.
Ocrosporei : funghi le cui spore in massa (sporata) sono ocracee o color ruggine, oppure mostrano diverse gradazioni di bruno.
Odontioide : provvisto di aculei, spesso cigliati all'apice, di forma da conica a cilindrica, raramente più lunghi di 0,5 mm
Odore : (in micologia): la percezione, sul piano olfattivo, della esalazione prodotta da un corpo fruttifero. Nei funghi 'classici' l'odore è per lo più avvertibile in prossimità del punto di inserzione del gambo col cappello. In molti funghi in apparenza inodori. l'esalazione può essere sollecitata staccando un pezzetto di cappello o di gambo, strofinando una o più superfici del carpoforo, oppure operando una sezione. Nonostante sia ritenuto dalla maggior parte dei micologi un particolare di secondaria importanza, l'odore rimane se non altro tra i caratteri più stabili e costanti, anche in possibili condizioni di atipicità dei corpi fruttiferi.
Oleifere : ife gloeocistidiformi, con contenuto fortemente rifrangente
Olocarpico : meccanismo di moltiplicazione agamica nel quale il soma fungino si converte interamente in strutture riproduttive.
Ombelicato : si dice del cappello quando presenta al centro una fossetta ben netta, relativamente stretta
Ombelico : centro dei cappelli molto depresso (talvolta proseguendo con un gambo cavo)
Ombrofile : si dice di certe specie di funghi che crescono di preferenza in luoghi oscuri, ombreggiati. È sinonimo di sciafilee.
Omogeneo : Si dice di un fungo con struttura uniforme, il cui gambo è difficilmente separabile dal cappello. È l'opposto di eterogeneo.
Ondulato, onduloso : dicesi del margine del cappello quando presenta delle ondulazioni.
vedi anche: sinuoso.
Ontogenesi : lo sviluppo dell'individuo dalla sua formazione embrionale iniziale allo stato definitivo. Esso ha consentito, in micologia, di differenziare i tipi di sviluppo gimnocarpico, emiangiocarpico, angiocarpico.
Oospora : organi di ibernazione del fungo che si formano durante l’intero periodo vegetativo in seguito alla fecondazione di un oogonio (organo femminile) da parte di un anteridio (organo maschile).
Opaco : si dice di un organo non trasparente, che non si lascia attraversare dalla luce. È quindi l'opposto di translucido e di trasparente.
Orbicolare : si dice di un organo, specie il cappello, quando è di forma pressoché circolare.
Organolettici : dicesi dei caratteri o delle proprietà di un fungo che interessano i nostri sensi (odore, sapore, untuosità, ruvidezza, pelosità, colore, ecc.); riferiti soprattutto all'odore e al sapore.
Orlo : bordo libero di una lamella. È sinonimo di filo, spigolo.
Ornamentazione : in campo micologico, tutto ciò che si trova sulla superficie di qualsiasi elemento di un fungo, con funzione di ornamento (verruche, aculei, costolature, strutture reticolari ecc.). Si applica al cappello, al gambo, alle spore, ecc.
Orofite : si dice delle specie di funghi che prediligono l'ambiente montano.
Ostiòlo : nei Gasteromiceti è il piccolo orifizio del peridio che consente la fuoriuscita delle spore mature.
Ottànio : mescolanza armonica di blu, giallo e grigio.
Ottuso : si dice di un organo che ha l'estremità arrotondata o smussata. È l'opposto di acuto.
Ovoidale : dicesi di cappello a forma di uovo.
Ovoide : forma che si avvicina a quella di un uovo.
Ozonio o Ozonium : formazione miceliare costituita da un intreccio di ife molto sviluppato, sovente molto esteso e con colori vivaci, che si diparte radialmente dalla base del carpoforo di alcune specie fungine (Coprinus radians, ecc.)
P
Palissadico (tessuto) : Elementi ifali, per lo più del rivestimento pileico, disposti ± parallelamente, claviformi o cilindrici
Palizzata trichodermica : Ife disposte verticalmente e piuttosto esattamente parallele tra loro, ma non sorgenti tutte allo stesso livello, come nell'imeniderma (superficie vellutata o pruinosa) (es. diverse specie di Boletus). Elementi terminali talvolta sviluppati come dermatocistidi.
Papilla : Piccola prominenza del centro del cappello ± marcata, acuta o leggermente ottusa.
Papillato : si dice di un organo che presenta alla sua estremità una piccola sporgenza. Si applica sovente allo stretto umbone conico, più o meno appuntito, che orna la sommità dei cappello di certi funghi.
Papiraceo : di consistenza tenace come quella della carta pergamena.
Parassita : Fungo che si nutre di materia organica vegetale o animale vivente.
È sinonimo di biotrofico. Se la materia organica è morta, vedi saprofita.
Parenchima : il tessuto specifico cellulare di un organo. Il termine è usato per indicare lo strato sottocuticolare, come sovente ha fatto il Vittadini.
Patogeni : si riferisce a quei microrganismi (muffe, lieviti, batteri) che alterano e decompongono i prodotti organici o che provocano fenomeni morbosi.
Peli : elementi sterili, sottili e allungati, che possono trovarsi sulle superfici del fungo o nell'imenio.
Pellicola : Sinonimo di cuticola, rivestimento.
Pellucido : Sinonimo di translucido.
Pendulo : Anello staccabile verso l'alto
Peridio : Tessuto esterno del carpoforo di alcuni funghi soprattutto Gasteromiceti e Tuberali normalmente suddiviso in strati, di cui il più esterno è l'esoperidio e il più interno l'endoperidio.
Peridioli : Corpuscoli lenticolari derivati dalla scomposizione della gleba e deputati alla propagazione (Nidulariaceae).
Peristoma : Apertura dell'endoperidio nei Geastrum.
Peritecio : Corpo fruttifero a forma di fiasco o di bottiglia, contenente gli aschi. Può mostrarsi immerso in uno stroma insieme a numerosi altri periteci.
Petaliforme : vedi Spatuliforme.
Petaloide : Che ricorda la forma di un petalo o di una corolla.
Pettinato o striato pettinato : Margine del cappello percorso radialmente da lunghi e sottili solchi.
Piaga ilare : Piccola zona delle spore sopra l'apicolo diversamente ornamentata (di solito appena percettibile) oppure liscia e ingrossata; in alcune specie solo questa parte è amiloide.
Pianeggiante : dicesi di cappello di forma quasi piana.  Sinonimo di disteso, spianato, piano.
Picnidio : fruttificazioni agamiche contenenti conidiofori e conidi
Pieghettato : vedi plissettato
Pigmento : Sostanza colorata contenuta in certe cellule o ife: è quella che colora la cuticola o altre parti del carpoforo. Il colore può venire da un solo pigmento o dalla mescolanza di più pigmenti diversamente colorati.
Pileato : Carpoforo a forma di cappello o a mensola.
Pilèico : Attinente al pileo, ossia al cappello.
Pileo : Sinonimo di cappello dei funghi.
Pileocistidi : Cistidi che si trovano sul cappello. È sinonimo di dermatocistidi.
Piramidale : A forma di piccola piramide. Riferito generalmente a verruche presenti sulla cuticola o sull'esoperidio di certi carpofori.
Piriforme : Si dice di un organo (spora, cellula di rivestimento, ricettacolo, ecc.) a forma di pera.
Placca : Residuo di velo generale che resta aderente alla cuticola.
Pleurotoide : Con forma, portamento e aspetto generale simile a quello di un Pleurotus, quindi a mensola, con gambo eccentrico o laterale.
Plissettato : Cappello marcatamente pieghettato, con pieghe radiali (es. Coprinus).
Pluricormico : Ramificato, con forma simile a un Cactus o un candelabro.
Policotomo :Tipo di ramificazione dove dalla stessa zona si generano tre o più rami del carpoforo (Ramaria)
Polièdriche (spore) : simili a polièdri, ossia, solidi geometrici delimitati da facce poligonali; p.e. certi cristalli di pirite.
Polifagia : l'attitudine di un medesimo fungo parassita di vegetare su piante di diverse specie.
Polimorfismo : vedi Polimorfo.
Polimorfo : Fungo, specie che mostra una più o meno spiccata variabilità di forma, che può essere presente anche in seno a un'unica raccolta, come, avviene ad esempio per il Tricholoma sulphureum.
Polipòide (tipologia) : che ricorda un Polipo.
Polvere sporale amiloide : grigioblu, blu o violetto.
Polvere sporica : L'insieme delle spore che si raccoglie per gravità sotto o accanto al corpo fruttifero di un fungo.
Pori : aperture dei tubuli verso l'esterno (Polyporacee, Boletacee).
Poro germinativo : zona di forma circolare evidente sulla superficie delle spore di alcun i funghi da cui solitamente inizia la germinazione, generalmente all'incirca diametralmente opposta allo sterigma.
Poroide : con pori evidenti il cui margine rimane sterile
Portamento : forma, aspetto generale. Vedi anche habitus.
Primordium : il fungo quando è appena abbozzato ossia si trova ad uno stadio d'inizio; in tali condizioni, esso può avere delle dimensioni estremamente ridotte, che possono variare da pochi decimi di millimetro a un millimetro di diametro.
Pruina : impolveratura di solito biancastra della superficie del cappello o del gambo dovuta ad aggregati di cellule simili a polvere sottilissima o anche alla presenza di spore Pruinàto o pruinòso come spolverato di cipria.
Pruinosa : si dice di una superficie ricoperta da una brina o pruina, di solito bianca, che non è risolubile al tatto, come accade per il velo che talvolta s'incontra sugli acini d'uva o sulle prugne; solitamente però il termine è impiegato per indicare l'esistenza di una polvere finissima che sparisce a toccarla. In quest'ultimo caso sarebbe più corretto dire “superficie farinosa".
Pseudoamiloide : vedi destrinoide
Pseudoanèllo : sorta di anello per lo più a polsino, aderente al gambo; è il residuo di un velo.
Pseudocistidi : in senso più lato, cistidi che si originano dalla trama, in senso più stretto quelli che si originano dalle ife succose della trama.
Pseudodiaframma : strato più spesso, feltrato che in alcune Lycoperdacee separa la gleba dalla subgleba
Pseudolamelle : Formazioni (solcature, venature ecc.) della superficie imeniale di alcuni funghi che sembrano lamelle.
Pseudolignìcolo : termine qui utilizzato per indicare un corpo i fruttifero crescente su residui o substrati legnosi, senza essere necessariamente lignicolo (parassita o saprofita). Riteniamo che in questi casi il micelio possa ivi fruttificare. pur mantenendo nella maggior parte dei casi un legame mutualistico (simbiosi) con piante per lo più ad alto fusto.
PseudovòIva : sorta di volva più o meno distinta, avvolgente la base del gambo; è il residuo di un velo generale.
Pubescènte (cappello o il suo margine) : coperto di peli non irti, bensì arruffati e morbidi; è sinonimo di lanòso e di lanuginòso.
Pulvinàto (cappello) : a forma di guanciale; pertanto. detto anche guancialifòrme.
Punteggiato : Superficie di cappello o gambo con prominenze sottilissime, puntiformi. Nel caso di spore, quando queste appaiono ornamentate con fini punteggiature, senza prominenze verrucose sul profilo esterno.
Pustoloso : si dice di un organo ornato di pustole. In micologia il termine è usato esclusivamente per indicare che le verruche delle spore sono basse e larghe.
Putredine bianca : è provocata nel legno da funghi che distruggono cellulosa, emicellulosa e lignina. Il risultato è una colorazione chiara del legno; la perdita di peso avviene con maggior lentezza che nella putredine bruna
Putredine bruna : marciume bruno del legno causato da funghi che distruggono soprattutto la cellulosa (ed emicellulosa), mentre le parti costituite da lignina subiscono minime variazioni. Il risultato è una evidente colorazione bruna del legno e una perdita di peso decisamente più rapida di quella causata dalla putredine bianca
Putrescente : materiale organico morto (legno, erba ecc.) che inizia a decomporsi.
Putrescibile : si dice di un organo soggetto a putrefarsi. 



Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...