Glossario da A a C


A
Aberrante, Aberrazione : termine che sta ad indicare un carpoforo anormale. Vedi: Lusus
Abieticolo : fungo che cresce sotto gli abeti.
Abito : forma, aspetto.
Acre : di sapore irritante, quasi caustico, bruciante, piccante, come per la carne di molti Lattari
e Russule.  Non va confuso con amaro.
Aculeato : (spore) con ornamentazioni ad aculei. Organo avente forma aculeata o munito di fini aculei,
come   l'imenoforo dei funghi della famiglia delle Hydnaceae.
Aculei : formazioni appuntite che si trovano nell'imenio delle Hydnaceae e di alcune Polyporaceae e sulla
cui  superficie sono disposti i basidi.
Aderenti : si dice di lamelle o tubuli che per tutta o quasi la loro larghezza, nella parte approssimale al  gambo. aderiscono a questo; è sinonimo di annesse; si dice delle parti di due organi quando risultano, per causa originaria o accidentale, intimamente collegate, ossia unite tra loro.
Adnàte : (squame o altre decorazioni) piatte, non in rilievo; si dice di un organo strettamente aderente ad
un altro, come fosse saldato. Così, le lamelle si dicono adnate quando, nel punto d'inserzione sul gambo, vi aderiscono per tutta la loro larghezza (altezza); lo stesso vale per i tubuli delle Boletacee e gli idni delle Idnacee. La cuticola è adnata quando non può essere separata dalla carne sottostante; scaglie, fibrille, ecc. sono adnate quando risultano strettamente aderenti alle superfici dei cappello o dei gambo.
Aghifoglie : piante che hanno le foglie a lamina stretta, a forma di ago (abete, larice, pino ecc.).  È sinonimo di conifere e si contrappone a latifoglie.
Alvèolo : cavità in cui si formano gli aschi e le ascospore, per esempio nelle Pezizacee e  
nelle Morchellacee; cavità che ricorda le cellette delle api.
Amaro : dal sapore del chinino, del fiele: da non confondere con acre.
Ammassati : carpofori che crescono in gruppi molto fitti amorfo, senza forma fissa.
Anastomizzàte : (anche anastomosàte) lamelle collegate tra di loro trasversalmente ecc. formando come un reticolo o grossi alveoli (questo termine è usato anche per ornamenti delle spore).
Anastomosi : Congiunzione dì lamelle o costolature o ife in senso trasversale; unione di due  organi (verruche, lamelle, ecc.) a mezzo di nervature trasversali, o per intimo contatto tra loro    in alcuni punti.
Anellato : munito d'anello.
Anello : residuo del velo parziale o di quello universale oppure di entrambi, che di solito circonda il  gambo nella sua parte superiore (in alcune Agaricales).
Annesse : lamelle che hanno una estremità aderente al gambo. Anche i tubuli possono essere annessi; sinonimo di aderenti; concetto riduttivo di Adnato: quando le lamelle o tubuli aderiscono allo stipite    ma non per tutta la loro altezza. In senso stretto si dice di un organo congiunto, unito ad un altro, ma con rapporto d'unione, in senso micologico, piuttosto ambiguo e impreciso. Per lamelle annesse al gambo, sovente s'intende che esse sono solo parzialmente “adnate” e quindi toccano più o meno il gambo: ma in quale misura? In questo caso, autori francesi usano definirle “sub-libere” e la scelta dei termine sembra bene appropriata. Il vocabolo “annesso” deve quindi essere usato con molta cautela, diversamente si finisce per chiamare annesso ciò che è adnato.
Apicale : posto alla sommità.
Apice : del cappello o dello stipite, riferendosi alla loro parte superiore.
Apicula, Apicolo : piccola appendice alla base della spora che si unisce allo sterigma dei basidi. Più in generale, l'estremità acuminata di un organo; appendice.
Appendìce ilàre o ififera : piccola protuberanza che unisce la base delle spore allo sterigma. È sinonimo di   apicolo e di apicula.
Appendice : l'estremità delle spore sovente allungata con la quale la spora risiede sullo sterigma
Appendicolàto : (margine del cappello): ornato di residui velari debordanti che formano una decorazione fioccosa o a merletto. Dello stipite o dei cappello. Nel primo caso quando lo stipite termina in una specie di appendice radicante (come in B. appendiculatus), nel secondo quando il margine è decorato dai resti dei velo parziale o generale. 
AppuntidiMicologia : sperimentazione di un Blog micologico.  Metodi di studio, esperienze, notizie, approfondimenti per aiutare suscitando interesse per la micologia. (Per chi non l'avesse capito).
Arcuato : ricurvo come un arco. Si dice in particolare delle lamelle quando il loro filo ha un profilo concavo, cioè il taglio delle lamelle nettamente concavo.
Areola : piccola area geometrica delimitata da screpolature.
Areolàto : (cappello) con disegno a mosaico; si dice dei cappello quando è diviso in piccole superfici (areole) delimitate o separate da screpolature. Con molta approssimazione potrebbe intendersi una superficie a mosaico.
Armilla : manicotto inguainante il gambo a partire dalla base, ascendente sin verso la cima, dove si apre ad anello, e che si forma dal velo generale in talune specie di funghi.
Arrotondate : (lamelle) sinonimo di sinuate.
Asco : Cellula madre o fertile a forma di sacchetto, presente negli ascomiceti, in cui vengono formate
le ascospore.
Ascoma : nome generico per indicare il corpo fruttifero fungino, nel quale sono portati gli aschi
Ascomiceti : funghi caratterizzati dagli aschi.
Ascospore : spore che si formano nell'Asco.
Aspro : si dice di sapore astringente, ma non amaro. Si dice anche di una qualsiasi superficie che dia al tatto una sensazione di scabro o di ruvido.
Asterosporate, asterosporee : specie che hanno le spore reticolate e appartengono alla famiglia
delle Russulacee (Russule e Lattari).
Astringente : che provoca una sensazione di costrizione in bocca alla masticazione. È termine prossimo di aspro.
Attenuato : Si dice di lamelle quasi libere, che aderiscono al gambo solo parzialmente oppure del gambo che si assottiglia dal basso verso l'alto o viceversa.
Aureole : piccole aree che si formano quando la cuticola si screpola.
Auriculòide : si dice di un carpoforo che richiama la forma di un orecchio umano; è sinonimo di auriforme.
B
Baio : color rosso bruno.
Base : parte inferiore di un organo; riferita alle lamelle, è la parte opposta dei margine, ossia quella che aderisce al cappello. Nel gambo, riguarda l'estremità inferiore.
Basìdio : Cellula fertile dei Basidiomiceti, semplice o settata, di forma solitamente clavata, che sorregge le spore (basidiospore), di solito in numero di 4, sostenute, ciascuna, da una piccola appendice detta sterigma.
Basidiomiceti : Classe di funghi caratterizzati dal basidio.
Basidiospore : spore unicellulari che si formano alla sommità del basidio.
Bifido : Gambo o lamella che si divide in due a un certo punto della sua lunghezza e pertanto simile a una fionda o a un diapason; è sinonimo di forcato, biforcato, biforcuto.
Biforcato : vedi Bifido.
Boletales : (latino, solo plurale) Ordine di funghi appartenenti alla classe dei Basidiomiceti. Comprende generi con carpoforo composto da gambo, cappello e imenio formato da tubuli e pori.
Boletoide : Carpoforo simile a quello di un Boletus ossia a cappello carnoso e gambo ingrossato.
Bordo : sinonimo di orlo, margine, filo; si applica di solito al margine del cappello e al filo delle lamelle.
Bulbilloso : si dice di un piccolo bulbo alla base di un gambo di un fungo gracile, sottile.
Bulbo : estremità rigonfia di un organo, che in molti funghi è un rigonfiamento della base dei gambo; tale rigonfiamento o bulbo assume forme diverse, per cui si dice: bulbo olivare, marginato-turbinato o semplicemente turbinato, napiforme, subsferico. Talvolta, però, la base è detta semplicemente “rigonfia” o “bulbosa". 
Bulbòso : fornito di bulbo, cioè con gambo provvisto di bulbo nella parte basale.
C
Cadùco : (anello, verruca): che sparisce con facilità. È sinonimo di evanescente, labile e l'opposto di persistente.
Campanulato : cappello a forma di campana, talvolta leggermente svasato, con largo umbone.
Cangianti : (a bande): il gambo presenta un disegno a bande procedenti irregolarmente a zig-zag (derivante dalla lacerazione di uno strato superiore di tessuto o di un velo)
Cannella : color bruno rosso
Cappèllo : la parte superiore (incluso imenoforo) nei funghi con gambo, assai variabile per dimensioni, forma, colore e ornamentazione: può avere consistenza e struttura diversi rispetto a quelle del gambo. Vedi anche pileo.
Carne o trama : tessuto più o meno sviluppato e consistente che costituisce la sostanza propria dei funghi, escludendo il rivestimento del cappello e del gambo e l'imenio.
Carnicìno : colore rosato, simile a quello della carne fresca.
Carnòso : (cappello, gambo) sodo e resistente alla pressione delle dita; è qui considerato sinonimo di fibro carnoso. Si dice di un fungo con carne spessa, con particolare riferimento a quella dei cappello.
Carpoforo : è il corpo fruttifero del fungo, vale a dire quello che noi nel linguaggio corrente chiamiamo fungo; si dice dell'insieme di gambo, cappello, tubuli o lamelle o idni, comunque sia conformato l'imenoforo. È il frutto del fungo vero e proprio, che reca in sé l'apparato riproduttore.
Cartilagineo : dicesi di tessuto di consistenza un po' elastica e tenace, come ad esempio nell'A. auricula.
Cascante : vedi Pendulo
Cassànte : (carne) di consistenza gessosa, fragile. Composta da cellule più o meno sferiche, si frattura nettamente, emettendo un rumore simile a quello di un legnetto spezzato.
Cavernòso : (gambo) con piccole cavità o cellette interne; si dice soprattutto dello stipite, quando alla sezione longitudinale presenta internamente delle cavità ben definite.
Cavo : dicesi di gambo che internamente è vuoto, come nel Boletinus cavipes e nel Gyroporus castaneus nello stadio maturo.
Ceduo : tipo di bosco composto da piante prevalentemente cespugliose perché tagliate per far legna periodicamente (di solito ogni tre o quattro anni).
Centràle : (gambo) inserito simmetricamente al centro del cappello.
Ceppàia : terreno ricoperto di ceppi, più o meno fitti.
Cèppo : la parte inferiore, comprensiva di radici, di un albero tagliato.
Ceràceo : si dice di un organo che richiama la consistenza della cera o il suo aspetto, come le lamelle di molti Igrofori, di alcune Russule.
Cerchio delle streghe : disposizione in circoli dei corpi fruttiferi dovuta a una particolare estensione del micelio; è il modo di vegetare dei micelio di alcuni funghi superiori, per esempio Marasmius oreades, Calocybe gambosa e Cortinarius largus.
Cerebrifòrme : aspetto di un carpoforo simile a quello di un cervello, con circonvoluzioni irregolari.
Ceròsa : dicesi della carne quando ha la consistenza o l'aspetto della cera.
Cespitòso : Corpo fruttifero che cresce attaccato per un breve tratto alla base dei gambi di altri esemplari. Si può considerare sinonimo di aggregato, connato, fascicolato.
Chitina : Sostanza componente la parete cellulare dei macromiceti
Circonciso : significa che un organo è tagliato circolarmente. In particolare si dice della volva di certe Amanite quando, anziché avere il bordo libero con un certo sviluppo, essa si presenta come tagliata circolarmente a filo del bulbo di base del gambo.
Citrìno : Colore giallo simile a quello della buccia di limone.
Compatto : Della carne, quando è soda e spessa.
Compresso : Si dice del gambo quando è schiacciato e risulta quindi di sezione più o meno ellittica; anche le spore possono essere dette compresse, quando viste di profilo e di faccia, hanno i rispettivi diametri sensibilmente disuguali.
Concolore : Dello stesso colore; di solito ammesso con un significato di relazione, e allora si parla, ad esempio, di lamelle concolori al cappello, di gambo concolore al cappello, ecc. Può però essere inteso anche come avente lo stesso colore in ogni sua parte; esempio: cappello concolore, cioè che è interamente dei medesimo colore.
Concrescenti : Carpofori della stessa specie crescenti da un'unica base, o anche parzialmente saldati fra loro fin dai primordi.
Concresciuto : Termina che sta ad indicare carpofori sviluppatisi con parti unite.
Confluente : Si dice dei gambo quando non è separabile dal cappello; vedi Omogeneo. Si dice anche di altri organi uniti, congiunti tra loro, quali i bordi di due cappelli (esempio: Trametes versicolor), le verruche delle spore che si sono saldate, ecc.
Conglobati, concrescenti : si dice dei gambi di più funghi connessi e saldati tutti in un'unica massa carnosa (esempio: Lyophyllum conglobatum).
Conico : Dicesi di cappello a forma di cono.
Conifere : Sinonimo di aghifoglie. Piante con frutti a forma di cono (pini, abeti, larici ecc.).
Connati : Si dice dei gambi dei funghi connessi tra loro alla base per 2, 3 individui, vedi Cespitoso.
Cono : Sinonimo di strobilo.
Contèsto : E’ così chiamata la carne delle Polyporaceae, ossia la parte sterile del carpoforo nei Polipori in modo particolare nel tratto del corpo fruttifero privo di tubuli.
Contiguo : Si dice di un organo che è a contatto di un altro elemento senza per questo aderirvi.
Convèsso : (cappello): emisferico ma con curvatura meno accentuata; si dice dei cappello quando ha una curvatura molto debole, appena accennata, che non arrivi alla forma emisferica o a quella minima pianoconvessa.
Coprofilo : Si dice di fungo che cresce sul letame o sugli escrementi di animali. È sinonimo di fimicolo.
Coriaceo : Di consistenza simile a quella del cuoio.
Corpo fruttifero : La parte portatrice degli organi della riproduzione; nei funghi superiori è quella volgarmente ma impropriamente chiamata Fungo, con forme e colori svariatissimi, cioè è il fungo nel suo insieme, detto anche carpoforo o ricettacolo.
Cortina : Velo parziale per lo più simile a una ragnatela, con funzione protettiva dell'imenio, il cui residuo sul gambo, sotto forma di filamenti arruffati e colorati dalle spore mature, dà origine alla zona cortinale.
Costolato : spore con ornamentazioni molto in rilievo, a forma di costolature (talvolta irregolari)
Costolatura : ornamentazione di un organo provvisto di coste o costole o nervature, ossia di sporgenze longitudinali sulla sua superficie, come ad esempio il gambo dell'Helvella crispa o le spore di alcune specie. Il termine non va confuso con striato, solcato.
Crateriforme : (cappello): convesso con piccola depressione centrale.
Crenulato, crenato : si dice del margine del cappello, del filo delle lamelle, ecc. quando presentano delle dentature ottuse (smerlature), e in generale di qualsiasi organo dotato di crenelature. Opposto di continuo, regolare.
Crosta : cuticola spessa, dura, sulla superficie di cappello o gambo
Cuticola : sottile membrana che riveste il cappello di molti funghi dal quale può separarsi completamente, parzialmente o niente dei tutto. È lo strato più esterno del cappello, formata di ife strutturalmente differenziate da quelle della sottostante polpa. È sinonimo di pellicola. 



 

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...